lunedì 31 agosto 2009

EYES ON FEET - Luke MacFarlane

per la rubrica

nuove evidenze
mi spingono a riaprire il caso MacFarlane,
appena chiuso.
riapro non per sovvertire
ma per confortare, con altri argomenti,
le conclusioni a cui si giunse per atto di fede!


intanto
prove fotografiche dimostrano
che il pacchetto MacFarlane si può prendere per intero,
senza correre il rischio di dover mandare giù bocconi amari pur di guadagnare
l'agognato bene.
la maglietta cade felicemente,
giusta la cinta,
morbido il bermuda,
il polpaccio è formato,
la scarpa è usata quanto basta
e il fantasmino sarà pure basic
ma disegna una caviglia di indubbio spessore!
l'unica cosa sbagliata è il tizio che gli sta vicino.

in più,
al costo di una ulteriore iscrizione ad un ulteriore fanclub,
con certosina pazienza scartabellando fra decine e decine di inutili scatti,
produco di seguito gli unici fotogrammi barefeet
durante la serie di BROTHERS & sisters,
(sperando che gli sceneggiatori decidano, per la prossima di stagione,
di spedire la coppia gay a vivere in Nuova Caledonia)

ma lo slanciato MacFarlane non vive di soli fratelli e sorelle.
è anche un affermato attore di cinema.
e, aprendo di volata la sottorubrica

annoto come prossimo film da vedere,
TANNER ON TANNER.
ancora non riesco a capacitarmi di come mi sia sfuggito!!!
qui alcuni momenti salienti...

per finire,
l'atto conclusivo dell'ascensione all'omosessualità dell'adorato Wentworth Miller.
come si è visto,
sono diversi gli scatti che immortalano la passeggiata dei due ragazzi in infradito.
si è anche potuto notare come,
passo dopo passo,
l'omosessualità cresca, si rafforzi,
fino a diventare evidente.
MAH!!!

ora l'epilogo,
il ritorno a casa.
Wentworth è troppo provato per guidare
così lascia a Luke, più navigato, il maschio compito.
Wentworth cerca di fare lo sciolto,
sorride,
ma che fa?
accavalla le gambe?
questo prova che Luke MacFarlane non è un feet-lover.
un vero feet-lover
con Wentworth vicino
con tanto di gamba accavallata
sarebbe andato dritto alla prima curva.

venerdì 28 agosto 2009

FEETCHART - Brothers and Sisters

era già l'ora che volge il disio
ai navicanti e 'ntenerisce il core
lo dì c'han detto ai loro amici addio

e anch'io
novello navicante
sento il mio cuore intenerire
al ricordo dei giorni passati al resort.

tra un rinvaso di alberi da frutto
ed una crostata doppio strato con ricotta e marmellata fatta in casa
(con le prugne "cosce delle monache" rubate al vicino, nottetempo),
l'ora è fuggita via inesorabile,
lasciando soltanto adesso
lo spazio e il senso
alle memorie e ai bilanci.

così
pure in queste pagine
è momento di resoconti,
di graduatorie,
di classifiche.

per la rubrica

una dedica obbligata al serial che, più di ogni altro, crea dipendenza.
ingurgitato al ritmo di quattro puntate alla volta
per rimettere il gestore al passo coi tempi,
senza esonero di lacrima
(pur rivedendo il già visto!)
e in totale astinenza in vista dell'inizio della quarta serie,
si parla oggi di
BROTHERS & SISTERS
(pur con un leggero squilibrio a favore dei BROTHERS.
se a qualcuno interessano le SISTERS, cerchi altrove!)

ATTENZIONE! QUELLO CHE SEGUE È A RISCHIO SPOILER
(si legga con consapevolezza)

classifica ricca
che parte però con un
FUORI GARA
per il merito che va riconosciuto all'amante di Samantha, amica di Carrie,
qui in versione prima bisex e poi gay.
il sempre bravo
e sempre biondo,
il maleinvecchiante
Jason Lewis
sono quegli americani standard, ipervitaminizzati e alti,
che je voi di'?
son sempre graditi!

in classifica ora
seppur con la qualifica di
NON CLASSIFICATO
l'ultimo acquisto della famiglia Walker.
Ryan, giovane figlio illegittimo di recente apparizione,
(nonché versione low cost di Robert Pattinson!),
ancora non si concede all'occhio del feetlover.
in attesa di statisticare durante la prossima stagione,
sia sufficiente a calmare la curiosità
l'unica immagine utile presente in rete
(guadagnata al prezzo infamante dell'iscrizione al suo fanclub!)
(Luke Grimes)
il ragazzo ha del potenziale,
si vedrà.

la classifica vera inizia col
#5
assegnato a malincuore
al veterano
drogato
alcolista
in via di riabilitazione
superincasinato figlio (legittimo) minore con brillante futuro.
lo stortissimo Justin
aveva tutte le carte in regola per occupare saldamente il podio
ma
plurime, impietose statistiche lo spingono indietro fino all'ultimo posto.
(Dave Annable)
piede bianchiccio
brutte dita e alluce a testa di vipera,
ultimo posto perché il peccato del piede brutto è aggravato dalla delusione delle aspettative!

#4
dopo l'anticonformista ribelle
è tempo dell'anticonformista integrato
ossessivo/compulsivo
reintegratore del politically correct.
Kevin,
(Matthew Rhys)
l'apertamente omosessuale ma non troppo,
fila via per tre stagioni quasi instatisticato
ma
l'occhio esperto del feetlover sa cogliere anche da pochi fotogrammi
dettagli preziosi per la catalogazione...
...che, nel suo caso, oscilla
tra il piede piatto e la caciotta,
entrambi incontestabili elementi a sfavore.
penultimo posto dunque, e non ultimo, perché il peccato del piede brutto non è aggravato dalla delusione delle aspettative,
non ce n'erano!

#3
sale sul podio, al gradino più basso,
il maschio conservatore
un po' retrò,
degno discepolo di padre fedifrago.
capitalista, come il padre,
repubblicano, come il padre,
ma NON inseminatore, come il padre,
forse per contrappasso.
Tommy spara a salve, si chieda al fratello gay!!
durante la serie è difficile statisticarlo,
fa parte di quegli uomini (e di quei personaggi)
per cui
togliersi le scarpe è segno di debolezza.
due foto rubate però sono sufficienti
per regalargli il terzo posto
(Balthazar Getty)
piede coerente con l'uomo (e col personaggio).
apprezzabile.

#2
con il quasi presidente
quasi governatore
già senatore
Robert McCallister
si esce dalla famiglia Walker
e si entra nel vintage!
al contrario del FUORI GARA Jason Lewis però
l'affilato Rob Lowe invecchia benissimo
e i suoi piedi gli valgono il secondo posto
perché sono piedi facili
regolari
con un bell'arco e un bel tallone
peccato per l'alluce
così piatto e sfuggente
che gli costa la vittoria!!

#1
anche perché
la vittoria spetta a colui che più di tutti
è fiorito nel corso delle stagioni.
l'apertamente gay senza travagli interiori,
il clichettato quanto basta,
il paziente,
il geloso
(nonché mio preferito)
Scotty.
(Luke MacFarlane)
manca la prova certa
ma è bene ogni tanto compiere atti di fede.
durante gli episodi
le effusioni fra due maschi si intuiscono senza vedersi troppo,
così come si confà al gusto puritano americano.
ma questo non fa che spingere il footlover
a navigare nella rete
in cerca di statistica.
e così ci si accorge che il tenero Scotty
ha avuto grandi meriti nella sua vita reale!
come non ricordare il momento in cui
Wentworth Miller, il grandissimo,
fu incoronato omosessuale per aver passeggiato
(in infradito)
con un suo amico?

ebbene
l'amico di cotanto Wentworth
altri non era se non il qui presente primo posto!
primo posto ad honorem,
in attesa della statistica definitiva,
per meriti acquisiti sul campo,
anche se il confronto con l'amico di passeggiate che s'è scelto
non fa risaltare le sue qualità.

venerdì 21 agosto 2009

lunedì 17 agosto 2009

(dal resort) LA SMANOVELLA

in questo agosto sonnolento
è tempo per un gusto più deciso
che risvegli i ritmi di giornate consegnate all'ozio.

così
per

dell'estate
ravano fra le eccellenze di xtube,
una delle tante versioni hard del sempre più puritano youtube.

il tizio in questione
tale sir scott
brucia del sacro fuoco dell'arte fetish.
peccato che da poco abbia realizzato che
di questo sacro fuoco
si può pure campare
e
per godere dei suoi nuovi video bisogna contribuire non solo emotivamente
(tanti saluti a sir scott).
i video con cui si è fatto conoscere al grande pubblico, però,
stanno ancora lì,
a disposizione del libero godimento.

quelli di seguito sono cinque video di un'unica sessione.
e visto che sir scott non pettina bambole
sarà necessario un linguaggio più tecnico.

dog-training
feet-licking
teasing
humiliation
canning

ma il colpo di genio
è che ad usare il dog-slave
non sia sir scott
ma un suo amico, sedicente etero,
uno di quegli americani alpha-male che carburano a birra.
beh
lo str8 dude
non è niente male
...
basta tralasciare le sue orribili scarpe
e la sua inaudibile risata da papero!

(i video partono tutti insieme
molto fastidioso
ma apparentemente inevitabile)





martedì 4 agosto 2009

(dal resort) GOOGLING


nel resort
l'ospite
è al centro
di ogni attenzione

lunedì 3 agosto 2009

(dal resort) CINEMATOGRAFO - Amori, bugie e calcetto

al resort
capita di vedere un po' di tutto.
(dipende da cosa si estrae dall'urna!)


ieri la mano innocente del bendato gestore
ha pescato
AMORI, BUGIE E CALCETTO.

sebbene il titolo sia stato accolto tiepidamente,
l'opera si è fatta interessante sin da subito
per la partecipazione, sempre proprizia,
del bramato ma instatisticato
Filippo Nigro.

giovane marito,
doppiamente incastrato,
con conseguente calo del desiderio e moglie Pandolfi inverosimilmente insoddisfatta,
tenta di ricucire il rapporto cercando il dialogo in cucina
o litigando dentro una macchina
ma il feet-lover sa che
IL LETTO
è il campo di battaglia in cui un rapporto si misura
e che al letto prima o poi si dovrà arrivare!

e al letto si arriva (e si ritorna)
così che
da un'accoglienza timida
il film finisce per trasformarsi in un nuovo numero della rubrica


avrei voluto sciorinare qui di seguito
copiosi screenshots ad alta definizione
ma
il resort
che pure offre comodità e servizi dedicati
non eccelle per tecnologia.

ripiego quindi su un video collage
dei momenti salienti
e saluto la agognata statistica di Filippo Nigro
con soddisfazione piena

e con rinnovata soddisfazione pure della Pandolfi.
'na fatica!!!